Crea sito

Prontuario per PDP

guida

 

 

 

ALLEGATO AL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALLIEVI CON D.S.A.

  Si forniscono indicazioni in merito agli strumenti compensativi e alle misure dispensative, utilizzabili durante l’anno scolastico e in sede di Esame di Stato. Gli items vanno selezionati e/o integrati, in base alle singole esigenze, connesse alla personalizzazione.

Gli indicatori possono essere organizzati per singole discipline, come nel prontuario allegato, oppure per competenze trasversali.

  ITALIANO ORALE:

 

v Limitare o evitare la lettura ad alta voce;

v Fornire all’allievo la lettura ad alta voce del testo da parte del tutor, anche durante le verifiche;

v Leggere all’allievo le consegne degli esercizi;

v Utilizzare testi ridotti non per contenuto, ma per quantità di pagine;

v Evitare di far  prendere appunti: fornire altresi appunti che supportino l’allievo nello studio (slides, documenti informatici, ecc.);

v Integrare libri di testo con appunti su supporto digitalizzato o su supporto cartaceo stampato (preferibilmente ARIAL 12-14);

v Privilegiare nelle verifiche scritte ed orali concetti e terminologie utilizzate nelle spiegazioni;

v Evitare la memorizzazione di sequenze (poesie, etc.);

v Incentivare a casa e in classe l’utilizzo di p.c. e sintesi vocale;

v Consentire l’uso del registratore o Smartpen;

v Prevedere l’utilizzo di compiti ridotti non per contenuto, ma per quantità di pagine;

 Utilizzare le verifiche orali per le materie che prevedono la valutazione dell’orale, da concordarsi con l’allievo:

 

o   Stimolare e supportare l’allievo, nelle verifiche orali, aiutandolo ad argomentare, qualora si dimostrasse in difficoltà per la compromissione della memoria a breve termine e della sequenzialità e non per volontà propria;

o   Fissare interrogazioni e verifiche programmandoli, senza spostare  le date;

o   Evitare la sovrapposizione di interrogazioni e verifiche (una sola interrogazione o verifica al giorno);

o   Favorire le interrogazioni  nelle prime ore del mattino;

o   Fornire, in tempi utili, copia delle verifiche affinché lo studente possa prendere atto dei suoi errori;

o   Valutare le conoscenze e non le carenze;

o   Applicare una valutazione formativa e non sommativa dei processi di apprendimento;

 

Si forniscono indicazioni in merito agli strumenti compensativi e  alle misure dispensative, utilizzabili durante l’anno scolastico e in sede di Esame di Stato. Gli items vanno selezionati e/o integrati, in base alle singole esigenze, connesse alla personalizzazione. Gli indicatori possono essere organizzati per singole discipline, come nel prontuario allegato, oppure organizzati per competenze trasversali.  

 

 ITALIANO SCRITTO:

§  Evitare l’approccio globale;

§  Prediligere il metodo fonologico, ortografico, lessicale;

§  Favorire l’uso del carattere stampato maiuscolo;

§  Fornire all’allievo la lettura ad alta voce del testo, da parte del tutor anche durante le verifiche;

§  Evitare la scrittura sotto dettatura, anche durante le verifiche;

§  Utilizzare testi ridotti non per contenuto, ma per quantità di pagine;

§  Privilegiare nelle verifiche scritte e orali concetti e terminologie utilizzate nelle spiegazioni;

§  Evitare di far  prendere appunti  e ricopiare testi: fornire altresì appunti che supportino l’allievo nello studio (slides, documenti informatici, ecc.);

§  Ridurre il numero delle domande nelle consegne scritte o la lunghezza del testo o garantire tempi più lunghi

§  Evitare, secondo i casi, le risposte V o F;

§  Evitare domande con doppia negazione e di difficile interpretazione;

§  Privilegiare l’utilizzo corretto delle forme grammaticali rispetto alle acquisizioni teoriche delle stesse;

§  Nell’analisi: Utilizzare la suddivisione del periodo in sintagmi, laddove si presenti la necessità reale;

§  Fornire l’articolazione della struttura del testo (nominazione) nelle produzioni scritte e nella comprensione del testo dove è necessario

§  Utilizzare la regola delle 5 W per i testi che lo richiedono;

§  Pianificare la produzione scritta, con relativa argomentazione da parte del docente, finalizzata a contestualizzare il testo;

§  Incentivare a casa e in classe l’utilizzo del p.c. e del vocabolario elettronico;

§  Consentire l’uso del registratore o Smartpen;

§  Prevedere l’utilizzo di compiti ridotti non per contenuto, ma per quantità di pagine;

§  Fornire, in tempi utili, copia delle verifiche affinché l’allievo possa prendere atto dei suoi errori;

§  Fissare le verifiche programmandole, senza spostare  le date;

§  Favorire  le verifiche nelle prime ore del mattino;

  ITALIANO SCRITTO: Riservare maggiore considerazione per le corrispondenti prove orali, come misura compensativa dovuta, laddove la prova scritta  non fosse soddisfacente. Valutare nelle prove scritte il contenuto e non la forma (punteggiatura, lessico, errori ortografici, etc.) Valutare le conoscenze e non le carenze Applicare una valutazione formativa e non sommativa dei processi di apprendimento.

  

MATEMATICA, FISICA E CHIMICA:

ü Fornire all’allievo la lettura ad alta voce del testo, da parte del tutor, anche durante le verifiche;

ü Evitare di copiare espressioni matematiche e testi dalla lavagna, ma fornire all’allievo la parte scritta alla lavagna su supporto cartaceo, da utilizzare al momento della spiegazione o dell’esercizio;

ü Evitare di far  prendere appunti: fornire altresì appunti che lo supportino nello studio (slides, documenti informatici, etc.);

ü Favorire risposte concise  nelle verifiche scritte e nelle interrogazioni;

ü Evitare, secondo i casi, le risposte V o F;

ü Evitare domande con doppia negazione e di difficile interpretazione;

ü Privilegiare, nelle verifiche scritte e orali, concetti e terminologie utilizzate nelle spiegazioni;

ü Favorire il linguaggio iconico;

ü Garantire l’uso:   della calcolatrice,  delle tabelle con le formule matematiche, di fisica e di chimica,   della tabella aritmetica, della tavola pitagorica,  di tabella della memoria di ogni genere (tabella delle misure e delle formule);

ü Stimolare ad argomentare qualora si dimostrasse in difficoltà per la compromissione della memoria a breve termine e della sequenzialità e non per volontà propria, senza richiedere la regola a memoria;

ü Riservare maggiore considerazione per le corrispondenti prove orali, come misura compensativa, laddove la prova scritta  non fosse soddisfacente;

ü Ridurre il numero degli esercizi o garantire tempi più lunghi;

ü Semplificare gli esercizi, senza modificare gli obiettivi o ridurre i contenuti;

ü Fissare interrogazioni e verifiche programmandoli, senza spostare  le date;

ü Evitare la sovrapposizione di verifiche (una sola verifica al giorno);

ü Favorire le interrogazioni e le verifiche nelle prime ore del mattino;

ü Prevedere l’utilizzo di compiti ridotti non per contenuto, ma per quantità di pagine;

ü Fornire, in tempi utili, copia delle verifiche affinché l’allievo possa prendere atto dei suoi errori;

ü Escludere dalla valutazione gli errori di trascrizione e di calcolo;

ü Valutare le conoscenze e non le carenze;

ü Applicare una valutazione formativa e non sommativa dei processi di apprendimento;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.